set 03

netgear_router

Nei precedenti articoli dedicati alle reti domestiche abbiamo visto come collegare tra loro due pc, adesso prendiamo in esame il caso in cui dobbiamo connettere tra loro 3 o più computer. In questo caso la procedura di configurazione è praticamente identica a quella usata precedentemente, sarà però necessario erigere una infrastruttura di rete molto più complessa del semplice tirare un cavo. Ma andiamo con calma, vediamo inanzitutto di cosa abbiamo bisogno:

- Ovviamente i computer da collegare!

- Un numero di cavi ethernet diretti pari a quello dei pc da connettere;

- Un router (come nel’immagine d’apertura) con relativa alimentazione e cavo rj-11, il cosidetto doppino telefonico.

- Se i computer da connettere sono di più delle porte disponibili sul router servirà anche un Hub di rete e un ulteriore cavo ethernet sempre diretto per poter fare il ponte tra router e hub;

- Se i computer sono un pò vecchiotti e non hanno la connessione ethernet integrata serviranno anche due schede ethernet come quelle usate precedentemente;

Dato che in questa guida useremo un router sarà necessario configurare anche questo oltre ai computer, essendo un dispositivo dotato di molte funzioni non le tratterò tutte ma solo quelle indispensabili allo scopo della connessione.

Inoltre eviterò di riscrivere tutta la procedura di configurazione dei computer in quanto identica a quella che trovate nella guida precedente con qualche piccolo accorgimento. Terminata questa breve introduzione possiamo iniziare ad assemblare la rete.


Il componente fondamentale della rete domestica è il router che in italiano si può tradurre come Instradatore ossia un dispositivo di rete che si occupa di instradare i pacchetti, in pratica permette di trasmettere il segnale adsl su tutti gli apparecchi ad esso collegato e di collegare questi ultimi tra loro. Un router contiene al suo interno un modem ed un hub con un numero variabile, da modello a modello, di porte ethernet (di solito non meno di 4), solitamente contiene anche un firewall ed infine la maggior parte dei modelli indirizzati ad usi domestici dispongono anche di un acces point wireless integrato.

La maggior parte degli operatori di rete, primo tra tutti Telecom, propongono il noleggio di un loro router, oltre ad essere un fregatura in termini di prezzo, in quanto saremmo costretti a pagare una cifra mensile per il noleggio quando il consto di un router raramente supera i 70€, è pure un fregatura in termini di prestazioni dato che i router a noleggio sono solitamente di scarsissima qualità oltre ad essere complicatissimi da configurare a piacere sopratutto perchè la password di accesso alla configurazione di questi router solitamente và chiesta all’operatore. Il mio consiglio pertanto è quello di acquistare un router serio che come ho detto si aggira intorno ai 70€ sicuramente minori sispetto a quanto spenderemmo dopo mesi e mesi di utilizzo di un router a noleggio. Mi permetto di riportare Netgear come ottima marca produtrice.

netgear_switch

Se le porte disponibili sul router non vi bastano dovrete aquistare anche un hub, per esempio quello nell’immagine sopra (sempre Netgear), che andrà ad aggiungersi a quello interno al router, il prezzo dovrebbe aggirarsi intorno ai 20€ per un modello a 5 porte. Un hub è un sispositivo che in pratica diffonde il segnale su tutte le porte ethernet  di cui dispone. Considerate che dovrete sottrarre due porte al numero totale disponibile perchè dovremo disporre di un cavo ethernet aggiuntivo che colleghi una porta ethernet del router ad una porta dell’hub (che faccia quindi da ponte tra i due, se prendiamo in esempio il caso più diffuso di 4 + 5 porte totali disponibli potremo connettere 7 dispositivi (3 al router e 4 all’hub).

Tiriamo i cavi ed erigiamo l’infrastruttura di rete

Se avete tutto potete cominciare a standere i cavi, inanzitutti sciegliete con cura dove piazzare il router, non è affatto necessario che si trovi nei pressi di un computer. Il router và collegato anche alla presa telefonica tramite l’apposito cavo oltre che all’alimentazione e ai pc, il consiglio è quello di metterlo in un posto in cui sia egualmente distante tra ogni computer, come ricorderete dai precedenti articoli della guida se i cavi ethernet sono eccessivamente lunghi si perde velocità, questo problema non riguarda invece il doppino telefonico quindi potete anche metterlo distante dalla presa telefonica. Per quanto riguarda l’hub, consiglio di tenerlo vicino al router in modo da tenere il più corto possibile il ponte che andrà fatto tra l’uno e l’altro.

Una volta scelto il posto per il router non resta che collegarlo all’alimentazione e alla presa telefonica tramite un cavo rj-11 altrimenti noto con il nome di doppino telefonico se disponete anche di un hub di rete collegate anche questo all’alimentazione e create il ponte tra l’uno e l’altro, le porte da usare sono indifferenti, solitamente sono tutte numerate ma la numero 1 è identica alla 4 e sono tutte intercambiabili, sceglietene una per il router ed una per l’hub a vostra discrezione e collegateci i capi del cavo ethernet diretto, dato che questo è un ponte è intuibile che ci passino molti dati quindi tenetelo il più corto possibile (un metro al massimo se hub e router sono appiccicati). Procediamo collegando tutti i dispositivi al router e all’hub sempre usando cavi ethernet diretti.

Configurazione del router

Completati i collegamenti assicuriamoci che router e hub siano accesi e procediamo accendendo anche tutti i computer, prima di configurare questi ultimi è necessario configurare il router per farlo dobbiamo accedere alla sua interfaccia di configurazione tramite un web browser, ad esempio Firefox.

Se avete letto il precedente articolo della guida, dedicato agli IP, saprete che qualsiasi dispositivo connesso ad una rete dispone di un indirizzo IP univoco allo scopo di indentificarlo, quindi è indispensabile conoscere l’indirizzo del router, solitamente questo è riportato al di sotto del router stesso dove vi sono stampate anche altre utili informazioni, se vi viene più facile consultate il manuale del router dove sicuramente troverete le informazioni più dettagliete. Solitamente l’IP del router è 192.168.0.1 o 192.168.1.1 ma non riuscite a risalire all’IP non disperate, a mali estremi estremi rimedi, aprite il buon vecchio Prompt dei comandi (Start/Esegui/CMD) digitate “Ipconfig“, A fianco della voce Gateway predefinito troverete l’indirizzo IP del router all quale siete collegati.ipconfig

Trovato l’IP del router basta copiarlo nella barra degli indirizzi del browser e premere invio per essere indirizzati verso l’interfaccia del router, per accedere alle impostazioni però sarà necessario inserire un nome utente e una password, queste le trovate sempre nell’etichetta sotto al router e nel manuale di istruzioni, solitamente sono abbastanza facili da indovinare, potete provare con Admin e User come nome utente e anche come password oppure scrivete Password o 0000 nel campo password.

A questo punto vi ritroverete finalmente davanti all’interfaccia del router, questa varia da modello a modello ma le impostazioni sono sempre quelle quindi è possibile trovarle posizionate in modo diverso, quelle che interessano a noi sono essenzialmente le impostazioni ADSL, indispensabili per la connessione ad internet, i valori da inserire sono da richiedere al fornitore del servizio internet, essendo un cliente Alice posso fornirvi le impostazioni corrette per Alice e naturalmente queste non funzioneranno per altri fornitori quali Libero o Fastweb.

Username: aliceadsl

Password: aliceadsl

Incapsulamento: PPPoE (PPP over Ethernet)

Metodo di multiplazione: LLC

VPI: 8

VCI: 35

DSL Mode: Automatico

Indirizzo IP internet: Caricamento dinamico da ISP

Indirizzo DNS (Domain Name Server): Caricamento dinamico da ISP

A questo punto finalmente disporremo dell’accesso ad internet, ora il router sarà già in grado di fare ciò che deve, consiglio di usare il router come server DHCP in modo che gli indirizzi IP dei PC in rete siano assegnati automaticamente dal router.

Ci sarebbero ancora la configurazione del wi-fi e del firewall interno ma sono impostazioni che tratterò a tempo debito. L’eventuale HUB non necessita di configurazioni.

Ora non resta che configurare ogni computer con la procedura trattata nei precedenti articoli della guida e la rete sarà operativa!

10 Risposte a “Guida alle reti domestiche: connettere più di 2 pc”

  1. paolo Says:

    il mio problema è che finito il tutto ho sempre bisogno di acendere il computer del soggoirno per stampare file del mio portatile.

  2. Ronde88 Says:

    Presumo che hai una stampante USB collegata al pc che devi accendere, se vuoi stampare dal portatile senza dover accendere altro puoi usare una stampante di rete, la colleghi direttamente al router così puoi stampare da qualsiasi computer connesso.

  3. Luigi Says:

    Negli uffici dove lavoro abbiamo due sale computer di cui una al piano terra e l’altra al secondo piano.
    Dal rooter della sala computer del secondo piano vorrei derivare un cavo ethernet per collegare altri tre computer che distano dal rooter rispettivamente 25m-35m-45m ( ciò mi fa preoccupare una perdita di segnale).
    Pertanto Vi sarei grato di consigliarmi la procedura giusta e l’occorrente per realizzare un corretto impianto tenendo presente che il rooter pare di avere già tutte le porte ethernet occupate (mi farebbe piacere anche il relativo schema elettrico).
    Vi chiedo aiuto perchè ho trovato molto interessante i Vs contenuti pubblicati sul sito.
    Ringrazio anticipatamente e saluto cordialmente.

  4. Ronde88 Says:

    Se ho capito bene lo scopo è di mettere in rete i computer del primo piano collegandoli al router che stà nel secondo.

    L’ipotesi più sensata sarebbe di disporre uno Hub/Switch ethernet al primo piano e collegarlo tramite un unico cavo ethernet diretto ad una porta libera sul router, se questo non ne ha è sufficente affiancarci un ulteriore Hub/Switch.

    Ho fatto uno schizzo dello schema elettrico, è possibile visionarlo a questo indirizzo: http://img706.imageshack.us/img706/6449/rete.jpg
    è stato fatto un pò di fretta ma dovrebbe rendere l’idea. Se così non fosse attendo ulteriori commenti. Spero di essere tornato utile.

  5. Luigi Says:

    Nella scuola dove insegno,il laboratorio informatico è formato da più di 30 pc con sistema operativo windows xp professional ed ognuno di essi è collegato alla stessa rete Lan (ADSL) via cavo con un proprio indirizzo IP:

    il problema è che non riesco ad aggiungere nella rete 3 pc con sistema operativo “VISTA”.

    Infatti, creato la connessione dei 3 pc con i vari indirizzi IP e inserito lo stesso gruppo di lavoro(o diverso) degli altri pc con xp,ottengo come risultato il seguente messaggio di errore : “Il gateway predefinito non è presente nello stesso segmento di rete subnet definito dall’indirizzo IP e dalla subnet mask.

    Gli indirizzi dei PC e del server con s.o. XP hanno questo tipo di indirizzo di rete:

    172 16 5 6 indirizzo IP variabile e diverso da pc a p(ultima cifra)
    255 255 255 0 subnet mask uguale per tutte le macchine
    172 16 254 254 Gateway predefinito uguale per tutte le macchine

    151 99 125 2 Dns primario uguale per tutte le macchine
    151 99 125 3 “” secondario uguale per tutte le macchine

    Faccio presente di non conoscere le caratteristiche del router per mancanza di documentazione.

    Pertanto ,mi farebbe piacere di riuscire nell’ardua impresa a configurare i 3 pc avvalendomi del suo gentile e prezioso aiuto illustrandomi passo passo le cose da fare.

    Ringrazio anticipatamente con i miei più cordiali saluti augurandoLe buone feste natalizie.

    Luigi

  6. Luigi Says:

    Nella scuola dove insegno,il laboratorio informatico è formato da più di 30 pc con sistema operativo windows xp professional ed ognuno di essi è collegato alla stessa rete Lan (ADSL) via cavo con un proprio indirizzo IP:

    il problema è che non riesco ad aggiungere nella rete 3 pc con sistema operativo “VISTA”.

    Infatti, creato la connessione di 3 pc con i vari indirizzi IP e inserito lo stesso gruppo di lavoro(o diverso) degli altri pc con xp,ottengo come risultato il seguente messaggio di errore : “Il gateway predefinito non è presente nello stesso segmento di rete subnet definito dall’indirizzo IP e dalla subnet mask.

    Gli indirizzi dei PC e del server con s.o. XP hanno questo tipo di indirizzo di rete:

    172 16 5 6 indirizzo IP variabile e diverso da pc a pc (ultima cifra)
    255 255 255 0 subnet mask uguale per tutte le macchine
    172 16 254 254 Gateway predefinito uguale per tutte le macchine

    151 99 125 2 Dns primario uguale per tutte le macchine
    151 99 125 3 “” secondario uguale per tutte le macchine

    Faccio presente di non conoscere le caratteristiche del router per mancanza di documentazione.

    Pertanto ,mi farebbe piacere di riuscire nell’ardua impresa a configurare i 3 pc avvalendomi del suo gentile e prezioso aiuto illustrandomi passo passo le cose da fare.

    Ringrazio anticipatamente con i miei più cordiali saluti augurandoLe buone feste natalizie.

    Luigi
    PS
    Dimenticavo,i 3 pc li ho configurati attenendomi ai codici importanti di cui sopra,variando ovviamente le cifre finali dei vari indirizzi.

  7. Ronde88 Says:

    Chiedo scusa per l’attesa, sono stato un pò preso dal lavoro e non ho avuto tempo di rispondere ai commenti.

    Inanzitutto chiariamo che non esistono incompatibilità tra xp e vista, posso affermarlo con certezza in quanto a casa dispongo di due pc operanti con xp e 2 con vista nella stessa rete e non ho mai riscontrato questo genere di problemi…

    Non avendo documentazione inerente al router l’unica cosa che mi sento di dirle con certezza è di verificare il gruppo di lavoro perchè tempo fà notai che quello predefinito per xp non è lo stesso per vista, infatti per il primo mi pare che sia “MSHOME” mentre per il secondo è “WORKGROUP”.

    L’indirizzo IP dei singoli pc non deve necessariamente essere impostato manualmente, di default è automatico in modo che ogni macchina possa tentare indirizzi ip diversi fino ad arrivare a uno non utilizzato, molti router inoltre sono in grado di fungere anche da server DHCP ossia impostando le impostazioni corrette su ogni computer collegato (a patto che queste non siano già impostate manualmente).

    Per concludere, potrebbe convolgere i suoi alunni nell’impresa;
    Ha avuto modo poi di considerare lo schizzo che le ho riportato precedentemente? Spero di essere tornato utile, Buone feste!!!

  8. Manuel Says:

    Ho un moden con 4 porte di uscita per internet, vorrei collegar a internet altri due (2) PC usando un (1) cavo ethernet (8 fili). Se puo collegare in parallelo due presa in un solo estremo del cavo ethernet e si e cosi come.

  9. Gianni Says:

    Per collegare più di tre pc serve per forza la linea telefonica?
    Come posso fare per far colloquiare 5 pc dove su uno di essi c’è un applicazione web con db access.
    Cordiali saluti
    g.b.

  10. Maurizio Says:

    Ho due PC collegati al router di cui uno in wireless e uno ethernet, quello in wireless funziona perfettamente mentre quello collegato tramite ethernet la connessione ogni tanto cade e comunque è lentissima, i download proprio non vanno.
    Quale potrebbe essere il problema?
    Per quanto riguarda i due PC devo impostarli su “ottieni automaticamente un indirizzo IP”?
    Preciso che ho impostato il DHCP attivo.
    Grazie.

Lascia un commento

*

Create your own free site